Ci sarà “Un cuore che batte” alla Camera?

cuore
Pubblicato il 24 Febbraio 2024

La proposta di legge di iniziativa popolare denominata “Un cuore che batte”, nonostante tutte le difficoltà frapposte dagli abortisti e anche – purtroppo – da molti sedicenti prolife e da qualche Vescovo, ha avuto un successo strepitoso e ha raccolto più del doppio delle 50.000 firme necessarie per la presentazione alla Camera. Le firme sono […]

La proposta di legge di iniziativa popolare denominata “Un cuore che batte”, nonostante tutte le difficoltà frapposte dagli abortisti e anche – purtroppo – da molti sedicenti prolife e da qualche Vescovo, ha avuto un successo strepitoso e ha raccolto più del doppio delle 50.000 firme necessarie per la presentazione alla Camera. Le firme sono state controllate ed ora si attende che venga calendarizzata dalle Commissioni riunite II (Giustizia) e XII (Affari Sociali).

La proposta introduce nell’art.14 della legge 194 del 22 maggio 1978 il comma 1-bis: «Il medico che effettua la visita che precede l’interruzione volontaria di gravidanza ai sensi della presente legge, è obbligato a far vedere, tramite esami strumentali, alla donna intenzionata ad abortire, il nascituro che porta nel grembo e a farle ascoltare il battito cardiaco dello stesso»,

L’associazione Ora et labora in difesa della Vita e le altre 13 associazioni facenti parte il comitato promotore, tra cui Pro Vita & Famiglia, si augurano che la calendarizzazione avvenga presto. Almeno prima delle elezioni europee: potrebbe essere un incentivo ad andare a votare per tanti prolife delusi dai partiti e dalla politica.

Cliccando su questo link è possibile leggere il documento depositato alla Camera. Da leggere soprattutto, perché particolarmente degna di nota, è la relazione introduttiva alla proposta di legge scritta dalla bioeticista Giulia Bovassi.

Francesca Romana Poleggi

Articoli correlati

Per amore dei nostri figli

Per amore dei nostri figli

di Jacopo Coghe C’è bisogno d’amore per i nostri ragazzi.  Questa società  ne abusa, li inganna, li fa ammalare, nel corpo, nella psiche e nell’anima. Noi adulti in parte non ce ne rendiamo conto perché siamo noi stessi presi dal vortice  nichilista-progressista...

Argomenti