Per amore dei nostri figli

Pubblicato il 29 Febbraio 2024

di Jacopo Coghe C’è bisogno d’amore per i nostri ragazzi.  Questa società  ne abusa, li inganna, li fa ammalare, nel corpo, nella psiche e nell’anima. Noi adulti in parte non ce ne rendiamo conto perché siamo noi stessi presi dal vortice  nichilista-progressista che tende alla decostruzione dell’uomo. E il malessere dei giovani è sotto gli […]

di Jacopo Coghe


C’è bisogno d’amore per i nostri ragazzi. 

Questa società  ne abusa, li inganna, li fa ammalare, nel corpo, nella psiche e nell’anima. Noi adulti in parte non ce ne rendiamo conto perché siamo noi stessi presi dal vortice  nichilista-progressista che tende alla decostruzione dell’uomo. E il malessere dei giovani è sotto gli occhi di tutti. Ma tutti si fermano a studiarne solo le cause ultime. 

C’è un libro, però, che invece aiuta a riflettere a prendere coscienza di questa realtà scomoda: se all’Ospedale Bambino Gesù sono in costante aumento i tentati suicidi di bambini, non possiamo restare indifferenti .

Così è nato Per amore dei nostri figli (Sugarco 2024) scritto da Francesca Romana Poleggi, membro del direttivo dell’OPA ( e di ProVita & Famiglia).

È un libro nato davvero “per amore” dei giovani:

per i suoi studenti, i suoi figli, i suoi nipoti.  Nel saggio, con dovizia di dati supportati da abbondante bibliografia, si cercano le cause prime del malessere giovanile. E l’autrice sostiene convintamente che ciascuno di noi, prendendo coscienza del problema e delle sue origini, può e deve invertire la tendenza. Tutti siamo chiamati a recuperare il valore della famiglia, nel rispetto del principio di sussidiarietà, nell’osservanza della legge naturale.

Ripartire dalla famiglia naturale

Un dato di realtà, supportato da prove statistiche inoppugnabili, è che una famiglia composta da un padre e una madre legati in matrimonio da una promessa stabile è il minimo indispensabile per lo sviluppo equilibrato della personalità dei bambini. È stato provato in relazione a qualsiasi variabile, sia nei Paesi ricchi che in quelli più poveri, sia negli strati più colti e benestanti della popolazione che in quelli meno abbienti e meno istruiti.

Questo dato è accertato in relazione a qualsiasi indice: dove c’è una famiglia naturale, c’è più benessere economico, c’è più salute, c’è meno violenza domestica. E questo è a vantaggio non solo dei figli ma anche dei genitori. L’autrice per questo spiega perché la famiglia naturale va tutelata, per questo lo Stato deve fare un passo indietro, nel rispetto dell’autonomia dei corpi intermedi – prima di tutto la famiglia  e il diritto dei genitori alla libertà educativa rispetto alle ingerenze e gli indottrinamenti ideologici che lo Stato , attraverso la scuola, cerca di operare su bambini e adolescenti.

Alla fine, chi legge questo libro si renderà conto che ciascuno di noi può essere protagonista di un cambiamento radicale: perché c’è la speranza concreta in un  futuro votato alla ricerca del bene comune.

 Possiamo e dobbiamo assumerci  questa responsabilità, “per amore dei nostri figli”.

Fonte: Panorama.it

“Per amore dei nostri figli” si può comprare in libreria e su internet.

A questo link, sul sito di ProVita & Famiglia, si può ordinare ad un prezzo scontato

Articoli correlati

Ci sarà “Un cuore che batte” alla Camera?

Ci sarà “Un cuore che batte” alla Camera?

La proposta di legge di iniziativa popolare denominata "Un cuore che batte", nonostante tutte le difficoltà frapposte dagli abortisti e anche - purtroppo - da molti sedicenti prolife e da qualche Vescovo, ha avuto un successo strepitoso e ha raccolto più del doppio...

Argomenti